Colazione catanese..mentre a Roma un centurione inventò il maritozzo, intanto, qui …
31 maggio 2016
Granita…Messina VS Catania
25 giugno 2016

In estate, da vari decenni, ad Acitrezza si ripete il rito della granita.

Dalle prime ore della mattinata fino a mezzogiorno inoltrato coppie e gruppi di giovani, ai tavoli all’aperto che occupano gran parte della piazza principale del paese, danno vita all’usanza di deliziarsi a gustare la tradizionale “granita e briosce”.

La “ordinazione” è sempre la stessa, con le “varianti” però del “gusto” particolare della granita.

Fino a circa cinquant’anni addietro la scelta era limitata tra le granite al limone e quelle, più delicate, alla mandorla, alle quali si aggiunsero presto quelle al cioccolato, che permettevano l’aggiunta della panna.

Poi, la fantasia dei gelatai siciliani introdusse con audace efficacia altri “gusti” che dapprima si limitarono all’ambito della frutta locale di stagione (arance, pesche, albicocche) e poi spalancarono la porta anche alla frutta esotica (dall’ananas alla papaia, dal mango al kiwi) finendo anche con l’insaporire la vetusta granita mediante ingredienti imprevedibili quali le more, i fichidindia e, persino, i gelsominiGranita-Siciliana

Intere generazioni di “trizzoti” e catanesi hanno contribuito in massa a mantenere viva l’antica tradizione, spesso pronuba di relazioni effimere o durature.Ai tavolini della piazza la sensazione è quella di partecipare ad un rito collettivo.

A colazione o per dessert. Granita, passione siciliana

Un famoso slogan pubblicitario mette a confronto i primati italiani “condivisi” con altre nazioni. In Sicilia ce n’è uno tutto nostro, del quale gli altri non osano mettere mai in discussione l’origine.

No, ma cosa avete pensato? Stiamo parlando di un piacere, della frescura estiva con cui salvaguardiamo il palato mettendolo a riparo dal caldo afoso di quest’isola. Signore e signori, la vera regina dell’estate, colei che resiste a tutte le mode, insomma la granita.

Certo, come appartenente ad una famiglia reale – quella del buon gusto e dei piaceri della gola – ogni città ne rivendica la provenienza, i vagiti, i primi passi, l’imprimatur, l’inevitabile successo. Ragusaonline propone ai suoi visitatori una versione iblea della granita, o meglio una storia modicana, come tante squisitezze zuccherine che fanno di Modica la capitale siciliana di dolci e affini.

La granita nasce attraverso esperimenti antichi. La neve, ad esempio, che veniva conservata sotto il pagliericcio e su cui veniva spruzzata una dose di sciroppo. Le prime macchine rudimentali per produrre granite in ugranitana certa quantità si trovano al “Caffè Orientale” del cav. Civello. Una tinozza viene fatta girare a mano dentro un pozzetto. Tra tinozza e pozzetto si forma il ghiaccio che viene “tenuto” col sale grosso ( 2 parti di sale e 1 di ghiaccio). Era il tempo del monsù, figura caratteristica, colui che caricava la tinozza sulle spalle per portarla direttamente nei luoghi dove veniva consumata, per lo più feste nobiliari.

Anche la “mezza”, termine con cui viene ancora adesso indicata la granita ha un sua spiegazione. Secondo Ignazio Iacono, che dell’Orientale fu garzone, oggi titolare del “Caffè dell’Arte”, vero e proprio tempio dell’arte delle granite a Modica, la “mezza”era equivalente a mezzo limone, ovvero alla quantità dell’agrume che bastava per condire il ghiaccio di una granita. Il termine, una volta coniato, servì ad indicare anche la quantità delle granite di altro gusto.

granita-alle-fragoleOggi, nelle moderne macchine dette mantecatrici, tinozza e pozzetto sono un tutt’uno e funzionano automaticamente, anche per ottenere le cremolate. Tuttavia, la mano dell’uomo, anzi del pasticciere, si fa notare, eccome. Quante volte ci siamo ritrovati a masticare una granita troppo ghiacciata? Forse è dipeso dalla quantità di zucchero utilizzato o dalla scarsa mescolanza una volta inserita nel bancone da bar: è l’effetto dei grassi che, se non mescolati di frequente, tendono progressivamente a raggrupparsi al centro del contenitore, facendo indurire la parte più all’esterno.

Le varianti:

Giro-Granite_-www.mimmorapisarda.it_Per il gusto delle granite non c’è che da scegliere. Limone e caffè sono classici da prima colazione accompagnati dalle brioche che fanno storcere la bocca ai cultori delle diete. In questo caso, la brioche può essere sostituita da un meno calorico panino. Mandorla bianca o tostata e granita di fragola sono per piaceri sopraffini.

La granita di cioccolata è per i golosi, quella di gelsi (ma non tutti la fanno) è dei buongustai. Ma attenzione: devono essere rigorosamente gelsi neri, perché quelli bianchi, per quanto dolci, non mantengono sufficiente sapore.

Anche negli abbinamenti le scelte sono piuttosto rigide: si a caffè, cioccolata, gelso, fragola e panna.

Fonte: http://www.mimmorapisarda.it/NORMASPECIAL2.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *